Home Articoli Forum Galleria Altro Altro Contatti
Cerca per parola chiave
 

Ci sono 15 persone collegate

< luglio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             

Titolo
DEFINIZIONI E PRINCIPI GENERALI (1)

Catalogati per mese:
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:

Titolo

Le fotografie più cliccate


Titolo
Letture consigliate
...






07/07/2022 @ 07:17:52
script eseguito in 38 ms



\\ Home Page
Benvenuto nel BLOG dell'Architettura Tecnica
Il Blog è ancora in fase sperimentale e non viene aggiornato. Contiene unicamente l'articolo sotto riportato. I commenti sono disattivati causa continuo spamming. Per comunicazioni scrivere a info@architetturatecnica.it.

Articoli
 
Di marco ferrero (del 21/02/2008 @ 15:25:01, in DEFINIZIONI E PRINCIPI GENERALI, linkato 3702 volte)
... Un primo fattore essenziale di questo approccio è la nidificazione dei sistemi: ogni sistema è costituito da vari subsistemi ed è a sua volta subsistema di un sistema superiore. La catena gerarchica si arresta da una parte al livello dell’intero organismo (la cui appartenenza a sistemi superiori a carattere urbano o territoriale esula dai confini disciplinari del Settore), dall’altra a livello di elemento costruttivo, la particella minima sulla cui ulteriore sottostruttura indaga la tecnologia dei materiali e dei processi produttivi.
Il secondo fattore è che i singoli elementi – ai vari livelli - possono far parte contemporaneamente di più subsistemi e integrare, quindi, più attributi. Questa posizione è basilare ai fini di tutta la trattazione. Alcuni studi sull’argomento, infatti, hanno proposto strutture nelle quali ogni elemento appartiene soltanto a un subsistema; la definizione dei sistemi, cioè, non prevede sovrapposizioni tra di essi. In questo modo, tuttavia, si determina una “classificazione” univoca che risulta non molto dissimile dall’impostazione tradizionale della trattatistica del passato.
Fatte queste precisazioni, il nodo centrale della questione diviene il criterio di definizione dei subsistemi; è infatti evidente che l’organismo edilizio si può considerare strutturato in infiniti modi, a seconda di come vengono individuati i rapporti tra elementi che definiscono la struttura stessa.
Una parte rilevante dell’Architettura tecnica recente si è sviluppata sulla base di una lettura sistemica dell’edificio a carattere geometrico-costruttivo. In tale contesto, i vari subsistemi sono definiti in relazione alla loro funzione (portante, di chiusura, di partizione), alla geometria (orizzontale, verticale) e alla posizione nell’ambito dell’edificio (di base, intermedia, di copertura). Per risolvere le difficoltà interpretative connesse con organismi dalla geometria complessa, si ricorre a una distinzione morfologica tra “scatolare” e “globale”, dove alla seconda situazione corrisponde una fusione di subsistemi quando non sia, progettualmente, distinguibile ciò che è verticale da ciò che è orizzontale. Si ricorre, infine, alle definizioni dei procedimenti costruttivi per risolvere una ulteriore difficoltà che sorge quando non sia distinguibile ciò che è portante da ciò che serve da chiusura o partizione (procedimenti a setti). Al di là delle piccole forzature metodologiche, inevitabili in qualsiasi approccio “organicista”, la classificazione geometrico-costruttiva è strettamente legata a un metodo progettuale a carattere tipologico: per ogni subsistema, prendere in considerazione un ventaglio di possibilità alternative, delle quali sono analizzati in maniera possibilmente acritica pregi e difetti; tra queste, scegliere in funzione delle intenzionalità formali e della relativa fattibilità costruttiva, con il supporto di una solida e rigorosa conoscenza storica e tecnologica. Le alternative a disposizione si propongono come repertorio rigorosamente ordinato secondo una classificazione tipologica.
Questa lettura sistemica presenta oggi difficoltà applicative legate essenzialmente alla trasformazione del modo di progettare. Se, da una parte, il progettista ha sempre meno la possibilità di intervenire in modo creativo a livello di dettaglio, dall’altra è sempre più impellente (anzi, irrinunciabile) una valutazione prestazionale delle scelte effettuate. Ciò è vero a tal punto, che il controllo prestazionale può anche travalicare il ruolo di critrerio per la scelta della soluzione costruttiva e divenire il fine ultimo dell’operazione progettuale. Studi avanzati sul controllo di qualità e sulla qualità edilizia nella fase progettuale, ipotizzano una progettazione “per capitolato prestazionale”, nella quale si definiscono esclusivamente questi attributi, lasciando alla fase costruttiva l’individuazione dei procedimenti che tali attributi consentono di garantire, dopo adeguata valutazione delle relative implicazioni economiche. Ciò consentirebbe di soddisfare i requisiti Affitti posti dall’utenza e dalla committenza (legati ai corrispondenti livelli prestazionali) indipendentemente dalle eventuali strategie di risparmio prevedibilmente perseguite dal costruttore.
Senza scendere in dettaglio su considerazioni che esulano dagli argomenti in esame, si può concludere che è possibile aggiornare l’approccio sistemico geometrico-costruttivo – del quale è tutt’ora indubbia la validità – semplicemente variando i criteri di definizione della struttura interna, che saranno basati essenzialmente sulle caratteristiche prestazionali da attribuire ai vari elementi in funzione della destinazione cui sono assegnati . Per esempio, al posto di chiusure verticali, chiusure orizzontali e partizioni interne si possono semplicemente considerare chiusure e partizioni, dove le partizioni comprendono anche le chiusure orizzontali intermedie; ciò in quanto il sistema delle chiusure (che coincide con l’involucro) si presenta prestazionalmente omogeneo e differente dal sistema delle partizioni; nell’ambito di queste ultime, peraltro, le analogie prestazionali appaiono più condizionanti delle differenze geometriche di giacitura.
L’appartenenza a un sub-sistema, così definito, si traduce – a livello di elementi costruttivi e di elementi tecnici, in una serie di requisiti cui gli elementi stessi debbono rispondere in relazione alle finalità del subsistema di appartenenza. Come già chiarito, i subsistemi possono sovrapporsi in corrispondenza degli elementi che compartecipano a più di essi. L’ossatura portante, per esempio, può essere costituita da elementi appartenenti al sistema delle chiusure e al sistema delle partizioni. La struttura sistemica proposta, in questi casi, si risolve in un principio di sovrapposizione, in base al quale gli elementi in questione debbono soddisfare i requisiti relativi a tutti i subsistemi cui afferiscono. Questo tipo di studio sistemico, quindi, presenta immediate ricadute progettuali e non si limita a un’accademica classificazione.

(da M. Ferrero - IL MUSEO PER L’ARTE CONTEMPORANEA – CRITERI DI PROGETTAZIONE INTEGRALE – Roma 2005)